_____________________________________________________________________________________________________________________________ ... e

No image Selected

Il decreto che Salva l'Italia, ma non l’agricoltura

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

"È passato il decreto Salva Italia che porta in dote tanti sacrifici per gli italiani e poggia pesantemente sull’agricoltura, allargando l’IMU (ex ICI) a terreni e fabbricati agricoli.
Per agricoltori e contadini stretti tra le difficoltà di raggiungere redditi soddisfacenti e di avere un decente accesso al credito, è un provvedimento molto pesante.

L’IMU per i terreni coltivati, curati, per i boschi puliti, i pascoli tenuti, le stalle e i rifugi per gli animali sono improprie in quanto sono tra i più preziosi beni pubblici che abbiamo in Italia. È come far pagare l’ICI ai parchi urbani o ai parchi nazionali. Solo per citare uno dei servizi che agricoltori e contadini offrono alla collettività ricordiamo che sono proprio loro, e non altri, a garantire l’equilibrio idro-geologico del Belpaese, come i recenti disastri alluvionali hanno ampiamente dimostrato. 

Certo bisogna fare dei distinguo: in un momento di crisi come quello che sta passando l’Italia tutti devono contribuire, l’IMU su fabbricati e terreni agricoli e forestali non coltivati o utilizzati come tenute di campagna è assolutamente giusta, e anzi aiuterebbe a rendere i terreni disponibili per l’affitto a nuove leve disponibili ad entrare in agricoltura. Così come è giusta per fabbricati adibiti all’attività agricola intensiva, non legata alla terra. Per coltivatori diretti, imprenditori agricoli e cooperative agricole è un provvedimento improprio che va levato. 

Se chiesa e associazioni bocciofile sono esentate dall’IMU perché enti di utilità sociale, cosa abbiamo di più alta utilità sociale dei nostri agricoltori? 

Alessandro Triantafyllidis (Presidente nazionale AIAB) "




Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di Google Analitycs. Accettando dichiari che accetti l'installazione di questi cookies. Per capire meglio cosa sono i cookies, come vengono usati e come cancellarli, leggi la nostra Informativa estesa.

Accetto i cookies di questo sito.